Il 19 marzo si è concluso il progetto “Musica e parole” che ha coinvolto i bambini del plesso di scuola dell’infanzia “Via Napoli”. Una conclusione speciale perchè, nel giorno della loro festa, i papà sono stati accolti a scuola dai loro piccoli e tutti insieme hanno ascoltato tante storie, scoprendo e riscoprendo il piacere di leggere e di ascoltare emozionandosi grazie al “vecchio” libro. Le emozioni vissute, attraverso il contributo del digitale, hanno poi preso forma mediante le emoji realizzate dai bambini. Ringraziamo tutti bambini che con entusiasmo hanno vissuto questa esperienza e ringraziamo tutti genitori che ad ogni occasione di incontro hanno sempre trovato il modo di superare le proprie difficoltà logistiche per dedicare un tempo esclusivo al proprio bambino. Un pensiero speciale va anche a tutti i genitori che non sono potuti intervenire, ma che hanno vissuto le tappe di questo percorso attraverso i racconti e la crescita cognitiva dei propri figli.
“Scrivere romanzi significa prendersi cura degli altri. Se io ci tengo veramente a te, se voglio avere una relazione con te, ti racconto storie” (Jonathan Safran Foer).

 

Vedi Foto

 

 

 

 

 

Oggi, 20 marzo 2018, nell'ambito delle attività programmate per la Settimana della Legalità, gli alunni della scuola secondaria di 1° grado del nostro Istituto si sono incontrati con i genitori di Gigi Sequino e Paolo Castaldi, assassinati per mano della camorra il 10 agosto 2000.
L'incontro è stato moderato da Franco Gargiulo (referente del presidio LIBERA Pianura - Soccavo).
Si è così posto un piccolo seme di legalità e di speranza nel cuore dei nostri alunni, che hanno mostrato una grande sensibilità nei confronti del tema loro proposto.

 

Vedi Foto

 

 

 

 

 

                                              

Un enorme grazie alle maestre del plesso di scuola dell’infanzia “Villaggio Italsider” che hanno ideato e realizzato questa splendida iniziativa, coordinate da Paola de Felice. Avete donato tre ore spensierate alle famiglie e dato lustro alla vostra scuola! Grazie!

 

Vedi Foto

 

 

 

 

 

La festa della donna alla scuola primaria.

Vedi Foto

 

 

 

 

Cos’è il Carnevale per noi?

Un momento per tornare bambini con i nostri bambini!

Quale docente si nasconde sotto la maschera? E quale docente indossa la parrucca del clown?

Chi non vorrebbe come docente la dolce fatina Tottilina o la dottoressa Paoletta?

Grazie bambini: siete Il nostro “balsamo di lunga vita”!

Vedi Foto

 

 

 

 

 

 

Nell’ambito del progetto “Genitori a scuola” ecco a voi i meravigliosi lavori dei ragazzi della classe 3 B della scuola primaria, guidati dalla sig.ra Lago in Agrillo, diplomata all’Accademia di belle arti ed artista appassionata e sensibile che ringraziamo di cuore.

I bimbi hanno imparato a dipingere e a sfumare i colori, ma soprattutto hanno canalizzato la loro fantasia nell’acquisire competenze. I nostri genitori sono una risorsa inesauribile!

Vedi Foto

 

 

Per i più grandi proiezione ragionata del film “Storia di una ladra di libri”. I più piccoli hanno invece liberato dei palloncini colorati in ricordo dei bimbi vittime dell’Olocausto e ad ogni palloncino hanno legato un biglietto con un messaggio ad essi dedicato. Il più commovente? “Un giorno vi raggiungeremo”. Perché per i bambini non vedono le differenze: per loro un bambino è un bambino e basta. Il mondo sarebbe un posto migliore se diventassimo come bambini! Grazie a tutti i docenti, ma in particolare al maestro Dino ed alle maestre Paola Vozzella, Maria Postiglione e Maria Cristiano.

Vedi Foto

Il 26 gennaio 2018 alla Stazione Marittima di Napoli una delegazione di alunni della scuola secondaria di I grado del nostro Istituto ha partecipato alla premiazione del concorso “Io non dimentico”, in cui i nostri alunni si sono distinti con un ottimo elaborato. L’evento e’ stato organizzato con grande impegno dalla Fondazione Valenzi ed ha visto sul palco illustri nomi storici e le loro testimonianze.
La giornata, che vede promotrice la dott . Lucia Valenzi, ha suscitato grande interesse e riflessioni da parte dei ragazzi, che hanno partecipato al ricordo della Shoah, tenendo alta l’attenzione contro ogni forma di razzismo e discriminazione culturale e politica, ma anche guardando ad esempi positivi nella lotta attuale alla criminalità organizzata e al perseguimento della legalità. Un grazie per l’impegno profuso alle professoresse Argo e Ceruolo.

Vedi Foto

 

 

 

 

Sottocategorie